Unghie gialle: cause, rimedi e prevenzione

Patite della nail art e amanti del minimal, sapete bene che la base per una manicure impeccabile sono unghie, in primis, sane.

Per questo c’è un disturbo che irrita ognuna di noi, a prescindere dalla preferenza: le unghie gialle (tecnicamente xantonichia, per l’appunto, alterazione cromatica delle unghie).

Facciamo chiarezza…

Questo tipo d’inestetismo non è un problema puramente estetico. Le unghie gialle, infatti, possono essere anche indice di patologie metaboliche o infezioni.

L’alterazione cromatica del letto unghiale, quindi, è da tenere sott’occhio per evitare di incorrere in brutte sorprese per la manicure e per il nostro sistema immunitario.

Le cause

L’ingiallimento delle unghie può essere generato da molteplici cause, qui vi elenchiamo le più comuni:

  • il fumo, un vizio che non nuoce solo a polmoni e cuore, ma si riflette all’esterno con l’ingiallimento di denti e unghie (conseguenze decisamente antiestetiche);
  • l’utilizzo di cosmetici troppo aggressivi che non rispettano gli equilibri delle superfici (su unghie permeabili, poi, hanno un effetto devastante perché assorbono molto di più);
  • una dieta poco equilibrata e la conseguente mancanza di sali minerali e vitamine necessari;
  • le malattie della pelle come micosi, infezioni e psoriasi;
  • le patologie legate al fegato che portano alla debolezza epatica, alla cistifellea, all’apparato respiratorio e circolatorio (meno frequenti).

I rimedi naturali

Quando le unghie gialle non sono legate a patologie che necessitano di visita medica possiamo ricorre a rimedi naturali per sbiancarle e riportare a un colore sano e naturale.

Ecco quelli più conosciuti ed efficaci:

  • succo di limone assoluto o con l’aggiunta di bicarbonato. Mettete le mani in ammollo nel succo per cinque minuti, l’azione antibatterica contrasta l’eventuale presenza di micosi e l’acidità del limone sbiancherà anche le macchie sulle dita e non solo sull’unghia. Se poi volete puntare su un’azione ancora più forte aggiungete il bicarbonato. Post trattamento applicate una crema idratante che fa sempre bene;
  • oli essenziali come quello di mandorle dolci o quello d’oliva e (inaspettatamente) anche il sidro di mele, contribuiscono non poco allo sbiancamento delle unghie. Immergete sempre le unghie per un tempo che non supera i cinque minuti e lavate bene poi per evitare residui fastidiosi;
  • altro rimedio consolidato (con cui andarci piano però) è la pasta creata con acqua ossigenata e bicarbonato di sodio. Applicatela, tenetela in posa per circa tre minuti, massaggiate bene e poi sciacquate;
  • un toccasana (già testato anche per altri problemini estetici) è l’aloe vera. Un alleato della vostra cosmesi, naturale, dolce e poco aggressivo. Non avrà un effetto immediato, ma se avete le unghie fragili preferitelo agli altri sopracitati.

Ricordate che questi trattamenti, anche se naturali, vanno effettuati con una frequenza limitata, non più di una volta a settimana per non aggredire la superfice delle unghie.

Piccoli consigli per prevenire

Sempre in ambito non legato a patologie vi diamo, poi, qualche piccolo consiglio per prevenire la comparsa delle unghie gialle:

  • difficile, ma salutare per ogni aspetto del vostro corpo e della vostra salute, lo smettere di fumare, ovviamente è un toccasana;
  • idratarsi e bilanciare la dieta con frutta e verdura che reintegrano i sali minerali e le vitamine necessarie a rinforzare e colorire le unghie;
  • curare la pulizia generale delle pellicine e del letto unghiale per evitare l’insorgere di infezioni e micosi.